Editoriali

Una malattia curabile

Patrick Cutrone abbraccia Lucas Biglia dopo il gol dell'argentino in SPAL-Milan

Non parliamo troppo ad alta voce, qualcuno potrebbe sentirci e questo non deve assolutamente accadere. Nessuno si faccia prendere dall’entusiasmo, nessuno si metta in testa strane cose,  bene.  Ed  ora che abbiamo fatto delle premesse, veniamo a noi.

Continuando a rimanere cauti, descriviamo un Milan che sembra aver cambiato aspetto, una squadra che non se ne va dal campo nei momenti topici, soffre quando c’è da farlo e propone le proprie idee di gioco.

La tenuta atletica sembra essere migliorata in maniera palpabile, la si percepisce in ogni momento di gioco e in tutti gli elementi della rosa, anche in quelli che hanno molto meno minutaggio effettivo nelle gambe. La testa di molti  sembra essere sgombra da cattivi pensieri, si crede in ciò  che si sta facendo e tutto quello che non ci riusciva prima, ora viene fuori bene.  Come se non bastasse, atteggiamento e idee tattiche vanno per larghi tratti a braccetto, percorrendo una strada che sembra essere costernata da bel tempo, senza quei nuvoloni scuri e cupi che vedevamo ogni giorno sopra le nostre teste. Anche la terza maglia, quella total black , non ci è sembrata poi così male,nei mesi scorsi aveva lo stesso effetto della kryptonite  applicata a Superman.

Il punto è che questa squadra sembra essere fatta di una pasta modellabile, il tesoro che avevamo cercato di custodire comincia a mostrare qualche luccichio, giusto per dimostrare agli scettici che valeva. Il male da cui sembravamo essere stati colpiti non è andato via, ma è guaribile, si può lavorare ai fini di rendere tutto più possibile, perché la materia prima esiste e l’antidoto deve solo fare il suo corso e si sa, ci vuole tempo.

L’importante è continuare a tenere la voce bassa, non vogliamo che qualcuno ci senta. Teniamoci stretti questi passi avanti che abbiamo compiuto, ma non dimentichiamoci le marachelle commesse fino a poco tempo fa, ci serviranno per maturare in futuro, per uccidere questa malattia che forse, si può sconfiggere.