Editoriali

Spartiacque

L'allenatore del Milan Gennaro Gattuso

Ricominciamo da capo, il calendario è di nuovo bianco e pronto per essere riempito di risultati futuri, lasciando alle spalle tutto ciò che non è andato nel girone di andata e provando a far qualcosa di sorprendente nel girone di ritorno. Le partite con Crotone e Cagliari sono scivolate via con bottino pieno, ma portandoci addosso qualche abituale scricchiolio di cui ormai conosciamo il rumore e il suono meglio di chiunque, ma pur sempre 6 punti in tasca. La squadra è anche riuscita a ribaltare una situazione di svantaggio iniziale e sfatare questo tabù che ci ha imprigionato per diversi mesi, oltretutto la fortuna ha provato non a girare totalmente la faccia, ma almeno accennarci un sorrisino che ogni tanto non guasterebbe, il goal rocambolesco di Bonucci contro il Crotone ( il primo in maglia rossonera) può confermarlo.

Adesso però viene il “Bello”, ci aspetta la duplice sfida con la Lazio, prima in campionato e poi in coppa Italia, per farci intendere fin dove potrà scalare la montagna il Milan e quanto invece possa essere stato illusorio il momento positivo dei rossoneri. D’altro canto sarebbe anche sufficiente non perdere negli scontri con le big, per mettere su carta risultati migliori rispetto ai 6 match persi contro queste e ricominciare a guardare  la classifica dimenticata da tempo.

Se pur dimenticata, la classifica, ci indica che il tabellino di marcia rossonero non sarebbe stato così catastrofico se si fosse riuscito ad ottenere la vittoria con le così dette provinciali, pur soccombendo contro le prime della classe,  ed è questo forse,  il limite più grande evidenziato ormai da troppo tempo.

C’è ancora molto da lavorare, ma c’è anche molto tempo per mettere a posto delle cose e togliersi qualche soddisfazione. L’Europa e lì che c’aspetta, forse non saremo poi così tanto favoriti, ma abbiamo il dovere di crederci, la Coppa Italia alla portata come traguardo plausibile e un quarto posto non ancora totalmente chiuso con un grosso lucchetto.

Può essere la squadra di Gattuso, padrone in qualche modo del proprio destino, ottenendo risultati piacevoli e che riescano a scombinare i piani altrui. Guardando subito avanti si ha una sorta di spartiacque, un vero e proprio bivio dove infilarsi senza altra possibilità di scelta, perché a questo punto ci si può incanalare verso un percorso cosparso da qualche stella o  invece continuare  a vagare alla ricerca di noi stessi.

Milan che strada prendi?