Aubameyang in cima ai pensieri Milan. Ma Fassone resta a Milano: Belotti…

Il Milan scatenato che più non si può. E mentre la comitiva rossonera è in partenza per la Cina, mentre sono stati risolti gli ultimi dettagli per l’arrivo di Bonucci, l’amministratore delegato Fassone ha deciso di restare a Milano per almeno 24 ore. Ufficialmente per definire l’operazione Bonucci, ufficiosamente – aggiungiamo noi – per seguire gli eventuali sviluppi relativi a Belotti. Il Milan ha in testa Aubameyang da gennaio, il primo nome della lista: una pista calda, nelle intenzioni e dopo vari incontri, ma bisogna aspettare la chiusura del mercato cinese. E poi capire le intenzioni del Borussia Dortmund e del diretto interessato. Di sicuro, dopo il super ingaggio percepito da Bonucci, non sarebbe un problema allargarsi (anche in doppia cifra con i bonus) per lo specialista del Dortmund.

Ma siccome bisogna viaggiare su almeno due binari per non farsi trovare impreparati, Fassone è rimasto a Milano (almeno per ora) in modo da mantenere vivi i contatti con il Toro, l’argomento è Belotti. Contatti che ci sono sempre stati, anche nella giornata di ieri. Il Milan non libera Paletta (che si è promesso al Toro) semplicemente perché potrebbe utilizzarlo nell’operazione Belotti, aggiungendo Niang più un enorme conguaglio. E qui sta il punto: per il Toro il conguaglio dovrebbe essere da almeno 75 milioni e nel frattempo – come anticipato – ha bloccato Duvan Zapata. Per il Milan la cifra da aggiungere sarebbe nettamente inferiore, da 55-60 milioni. Ma intanto Fassone è rimasto a Milano (partirà probabilmente domani) per accogliere Bonucci e per marcare Belotti (con eventuali altri contatti) in attesa di sviluppi per Aubameyang. Per questo motivo oggi, almeno oggi, Kalinic resta assolutamente defilato.

Fonte: Alfredo Pedullà

Potrebbero interessarti anche...