Taggato: Milan-Udinese

San Siro, presenti 49 mila spettatori per Milan-Udinese

Seconda gara casalinga in campionato e altra bella risposta del pubblico rossonero. Milan-Udinese, giocatasi ieri pomeriggio a San Siro, ha fatto registrare un’ottima presenza: sugli spalti dello stadio erano presenti poco più di 49 mila spettatori. I tifosi milanisti, insomma, continuano a restare vicini ai ragazzi in questo inizio di stagione carico di aspettative e ricco di entusiasmo.

Milan-Udinese, le pagelle: Kalinic non tradisce, Biglia regala emozioni

Le pagelle di Milan-Udinese, quarta giornata di Serie A 2017/2018.

Donnarumma: 6
La solita storia: incolpevole sul gol, per il resto non deve compiere grandi interventi.

Musacchio: 6,5
Prima da terzo di destra nella nuova difesa, non sfigura minimamente. Anzi, a conti fatti risulta il più positivo del terzetto.

Bonucci: 6
Sfiora il gol su sortita offensiva e più in generale sembra in ripresa. Qualche brivido di troppo, ma il reparto regge.

Romagnoli: 5
Disimpegno da incubo in occasione del pareggio di Lasagna, impegna seriamente Scuffet di testa nel secondo tempo.

Calabria: 6
Era il grande dubbio della vigilia, diciamo che non ha sfigurato. Notevole l’assist a Kalinic per il gol del vantaggio.

Kessié: 6+
Sembra sempre compassato, ma alla lunga ne esce vincitore. Tecnicamente serve anche un assist per il terzo gol di Kalinic, ma il VAR glielo nega.

Biglia: 7
Sale sul podio a dirigere da buon direttore d’orchestra qual è, complice anche la 21 sulle spalle, regalando emozioni d’altri tempi.

Bonaventura: 5,5
Decisamente appannato, non riesce ad esprimersi al solito livello. Esce, un po’ sconsolato, dopo un’ora di gioco.

dal 69′ Calhanoglu: 6
Scampoli di partita, giusto il tempo per deliziare la platea con un paio di tocchi non banali.

Rodriguez: 6,5
Spinge come un dannato, regalando assist a ripetizione. Buona la punizione che Scuffet devia in angolo.

Suso: 5,5
Come Jack, sembra non gradire la nuova posizione in campo. Esattamente come Jack, abbandona il campo col capo chino.

dal 69′ Cutrone: 6
In 20 minuti riesce a creare molto più che nell’intera partita di Roma, sfiorando anche il gol.

Kalinic: 7,5
Doppietta all’esordio da titolare, a San Siro, con due gol che sono esattamente il motivo per cui aveva attirato le critiche degli scettici: sarà anche bravo e funzionale, ok, ma non fa i gol sporchi, quelli che ti fanno vincere le partite. Evidentemente non è così.

Montella: 6,5
Sprazzi di ottimo gioco alternati a errori collettivi abbastanza grossolani. La squadra va registrata, l’intesa costruita col tempo, ma i risultati stanno arrivando.

Montella: “Vittoria sofferta e meritata. Suso? Si abituerà al 3-5-2. Su Calha e Silva…”

Ecco le dichiarazioni rese da Vincenzo Montella nel post partita di Milan-Udinese, gara terminata sul risultato di 2-1 per i rossoneri:

Sulla partita: “Non è una vittoria sporca, ma sofferta e meritata. In base a quanto creato, potevamo segnare di più, ma mi è piaciuta molto la reazione dopo il gol dell’1-1, meno i minuti di deconcentrazione dopo il gol annullato a Lasagna”.

Su Suso in difficoltà: “Si abituerà presto a giocare in quella posizione, per uno come lui che ha bisogno di toccare la palla molto spesso è difficile, si è innervosito un po’”.

Su Calhanoglu e André Silva fuori: “Volevo più freschezza – ha dichiarato il mister a Premium Sport – chi ha giocato oggi ha giocato in modo eccellente”

Ancora sulla vittoria sull’Udinese: “È stata una vittoria di grande personalità, fino a prima della Lazio eravamo abituati a giocare solo su un binario, adesso no. A livello fisico siamo messi meglio, rispetto al potenziale della squadra non saprei a che punto siamo, tanti sono diamanti semi-grezzi in questo momento. Chi è cresciuto un po’ più degli altri è André Silva, anche se oggi non ha giocato”.

Sulla gara contro la Lazio: “Non la rigiocherei, voglio credere che sia stata salutare per tutti, fanno ancora male quelle sberle, bene che sia successo. In tutto il precampionato io ero l’allenatore migliore del mondo, i giocatori i migliori del mondo, la società migliore del mondo. Questo ci ha un attimo distratti”.

Kalinic: “Devo continuare così. Le panchine iniziali? L’importante è che il Milan vinca”

Match winner di giornata, Nikola Kalinic ha parlato nel post partita del match tra Milan e Udinese, terminata 2-1 proprio con una doppietta del croato:

Devo continuare così, solo questo. È stata una grande partita, dobbiamo tutti continuare così se vogliamo fare una grande stagione e mercoledì è una grande partita. Il 9 l’aveva André Silva ed è il mio numero, ma il 7 era libero e l’ho preso.

Le panchine iniziali? Giocare 10 o 90 minuti è uguale – ha dichiarato Kalinic a Sky Sport – devo dar tutto per la squadra, è uguale chi gioca. Vorrei giocare sempre, ma è difficile con tanti giocatori. L’importante è che si vinca.

Oggi giochiamo con due punte: mi piace questo. Gioco sempre centrale, ma con due punte è uguale. L’importante è giocare, non bisogna guardare dove”.

Kessie: “Doppietta di Kalinic dopo la tripletta di André Silva: che squadra!”

Così Franck Kessie nel post partita di Milan-Udinese: “Vogliamo dedicare la vittoria ad Andrea Conti: siamo tutti vicini a lui, gli abbiamo mandato un messaggio. Noi dobbiamo continuare a lavorare, va bene questa partita ma è normale aspettarsi qualcosa di più. Il 3-5-2? L’avevo fatto all’Atalanta – ha dichiarato l’ivoriano a Sky Sport – tra tutti i numeri e i moduli per me è uguale. La doppietta di Kalinic dopo la tripletta di Silva? Per me questa è una squadra, tra chi va in panchina e chi gioca che gioca bene”.

Doppio Kalinic stende l’Udinese: il Milan va con un altro 2-1

Il Milan rialza la testa anche in campionato. E a San Siro batte l’Udinese, vincendo ancora per 2-1 e replicando il risultato ottenuto all’esordio casalingo contro il Cagliari. Deus ex machina del pomeriggio di San Siro Nikola Kalinic, mattatore con due gol – che in teoria sarebbero tre se non fosse intervenuto il VAR, ndr – e una prestazione altamente positiva nell’economia del gioco della squadra. Lasagna ha messo paura durante il primo tempo con la rete del momentaneo pari friulano, ma il Diavolo ha saputo subito riportarsi in vantaggio e legittimare la vittoria con tante occasioni  create, seppur non concretizzate.

È arrivata la vittoria anche in Serie A e la reazione dentro i confini nazionali, dunque, dopo il 5-1 di Vienna “scaccia crisi” dopo il tonfo in casa della Lazio. C’è ancora parecchio da migliorare nel gioco e nella brillantezza di squadra, ma nel complesso i ragazzi di Montella hanno meritato la vittoria, anche oltre il 2-1 messo a referto. Detto dello show di Kalinic, migliore in campo con una doppietta, da segnalare anche la straordinaria prova in regia di Biglia – l’argentino è stato un vero e proprio signore del centrocampo -, ma anche le prestazioni non troppo positive di Romagnoli (suo lo sciagurato disimpegno errato sul pari bianconero) e Suso, “vivo” ma poco efficace da seconda punta.

Ricardo Rodriguez, terzino del Milan

Ricardo Rodriguez: “Con l’Udinese dovremo dare il meglio”

Ecco la dichiarazione rilasciata da Ricardo Rodriguez a pochi minuti dal fischio d’inizio di Milan-Udinese:

“Dovevamo dimenticare la sconfitta con la Lazio, abbiamo fatto una buona partita contro l’Austria Vienna – ha dichiarato lo svizzero a Sky Sportma oggi giochiamo contro l’Udinese e dobbiamo dare il meglio“.

Milan-Udinese, le formazioni ufficiali: in attacco Suso-Kalinic

Le formazioni ufficiali di Milan-Udinese, gara valida per la 4^ giornata di Serie A:

Milan (3-5-1-1): G. Donnarumma; Musacchio, Bonucci, Romagnoli; Calabria, Kessie, Biglia, Bonaventura, Rodriguez; Suso; Kalinic. All.: Montella.

Udinese (4-1-4-1): Scuffet; Larsen, Danilo, Nuytinck, Samir; Behrami; De Paul, Barak, Jankto, Lasagna; Maxi Lopez. All.: Delneri.

Milan-Udinese, la probabile formazione: difesa a tre più Suso e Jack, Calha-Silva in panchina

Squadra che (stra)vince, si cambia. Almeno secondo Montella, pronto a operare verso Milan-Udinese di domani ben cinque cambi di formazione rispetto all’undici vittorioso per 5-1 sul campo dell’Austria Vienna, in cui hanno brillato e convinto tanti giocatori sino a quel momento ancora poco convincenti. Se il modulo dovrebbe rimanere il medesimo del “Prater”, con il 3-5-2 ormai destinato a diventare il sistema di riferimento dei rossoneri, i due mattatori di Europa League Calhanoglu e André Silva dovrebbero infatti tornare in panchina, per lasciare spazio a chi ha rifiatato in vista proprio del campionato.

Sia Bonaventura sia Suso, rimasti fuori dallo starting eleven milanista a Vienna, dovrebbero ritrovare una maglia da titolare: Jack da mezzala sinistra al fianco di Biglia e Kessie, mentre lo spagnolo da seconda punta qualche metro più indietro rispetto a Kalinic, confermato nel ruolo di centravanti. Pronti a rientrare anche Musacchio e Rodriguez, out giovedì per turnover, mentre sulla destra Calabria è in pole position su Abate: Igna è comunque il favorito a sostituire l’infortunato Conti a medio-lungo termine sulla corsia (Borini permettendo, ndr). Confermati ovviamente Bonucci e Romagnoli, così come tra i pali c’è la sicurezza Gigio.

Ecco dunque il probabile undici rossonero in vista di Milan-Udinese, 4^ giornata del campionato di Serie A:

Milan (3-5-1-1): G. Donnarumma, Musacchio, Bonucci, Romagnoli; Calabria, Kessie, Biglia, Bonaventura, Rodriguez; Suso; Kalinic.

Antonelli, problema muscolare e niente Milan-Udinese

Fuori dalla lista dei convocati di Milan-Udinese Luca Antonelli, che ha risentito di un’elongazione al bicipite femorale sinistro senza lesioni evidenti. Il giocatore, a scopo precauzionale, verrà tenuto a riposo per qualche giorno.

Fonte: A.C. Milan

Milan-Udinese, 23 i convocati di Montella: out Antonelli

Mister Vincenzo Montella ha diramato la lista dei convocati rossoneri in vista di Milan-Udinese, 4^ giornata di Serie A in programma domani a San Siro. Di seguito la lista completa:

PORTIERI: A. Donnarumma, G. Donnarumma, Storari;
DIFENSORI: Abate, Bonucci, Calabria, Gomez, Musacchio, Rodriguez, Romagnoli, Zapata;
CENTROCAMPISTI: Biglia, Bonaventura, Calhanoglu, Kessie, Locatelli, Mauri, Montolivo;
ATTACCANTI: Borini, Cutrone, Kalinic, André Silva, Suso.

L’agenda rossonera: il programma settimanale

Dalla Lazio all’Udinese, in mezzo l’Austria Vienna. Questa sarà la prima volta nella quale, dopo preliminare e Playoff, i rossoneri dovranno affrontare il doppio impegno settimanale: non solo il campionato, infatti, perché prenderà il via anche il girone di Europa League.

Milanello è già stato organizzato un piano fitto e preciso di preparazione, che non prevede giorni di riposo. Al rientro dalla trasferta dell’Olimpico, la squadra si allenerà lunedì alle 10.30 e martedì alle 16.15. Poi, mercoledì, sarà la vigilia del nostro esordio europeo. Ecco il programma: seduta al mattino, alle 10.00, e nel pomeriggio la partenza per l’Austria e lì la conferenza stampa di Mister Montella dalle 19.00, esattamente 24 ore prima della partita.

Al ritorno in Italia, Diavolo in campo venerdì alle 12.00, mentre la vigilia di campionato sarà caratterizzata dalla conferenza stampa del Mister (sabato mattina) e dalla rifinitura della quarta giornata di Serie A (sabato pomeriggio). Domenica alle 15.00, infatti, arriverà l’Udinese a San Siro.

Fonte: A.C. Milan