Taggato: infortunio

Lucas Biglia sofferente con la maglia del Milan

Problemi alla caviglia per Biglia, salta Milan-Bologna

Lucas Biglia non prenderà parte a Milan-Bologna.

Niente Milan-Bologna per Lucas Biglia stasera. Ad annunciarlo è il club rossonero, direttamente dal profilo twitter ufficiale della società: il centrocampista argentino ha subito una distorsione alla caviglia destra durante l’allenamento di ieri.

Di seguito, il tweet dell’account del Milan:

Andrea Conti, terzino del Milan

Andrea Conti: “Sto bene, sono più avanti del previsto”

Infortunatosi gravemente al ginocchio e sulla via di recupero da qualche settimana, Andrea Conti ha parlato delle proprie condizioni fisiche: “Sto bene, sono senza stampelle, son più avanti di quello che dovrei essere, sono contento. Mondiale? Speriamo – riporta MilanNews.itpensiamo a una cosa per volta, iniziamo a recuperare una cosa per volta“.

Ottimismo Kalinic, verso il recupero in ottica derby

La lesione riscontrata all’adduttore non dovrebbe costare il derby a Nikola Kalinic, al lavoro a Milanello nella speranza di recuperare in vista della partitissima del prossimo 15 ottobre. Il Milan – riferisce Sky Sport – è ottimista sule condizioni fisiche del croato, il quale dovrebbe esserci nel big match contro l’Inter al rientro dalla sosta.

Kalinic, infortunio all’adduttore: salta la convocazione della Croazia

Stop per Nikola Kalinic. L’attaccante rossonero ha accusato un problema all’adduttore che lo costringerà a dare forfait in vista dei prossimi impegni con la Nazionale croata, che lo aveva convocato per le partite in programma nella sosta del campionato: l’ex viola – riporta Sky Sport – rimarrà a Milano due settimane per lavorare e recuperare dall’infortunio. Il problema muscolare, infatti, non lo costringerà a saltare il derby contro l’Inter del prossimo 15 ottobre.

Andrea Conti, terzino del Milan

Andrea Conti a San Siro per assistere a Milan-SPAL

A cinque giorni dalla rottura del crociato e appena quattro dall’intervento chirurgico, Andrea Conti è già tornato a San Siro. Non per giocare ovviamente – starà ai box per almeno sei mesi -, ma da primo spettatore (o meglio, tifoso) del Milan: l’esterno di Lecco è allo stadio per sostenere i compagni in vista della gara di campionato contro la SPAL, in programma tra pochi minuti al “Meazza”.

Antonelli, problema muscolare e niente Milan-Udinese

Fuori dalla lista dei convocati di Milan-Udinese Luca Antonelli, che ha risentito di un’elongazione al bicipite femorale sinistro senza lesioni evidenti. Il giocatore, a scopo precauzionale, verrà tenuto a riposo per qualche giorno.

Fonte: A.C. Milan

Conti: “Mollare mai, sorridere sempre: voglio tornare in campo ancora più forte”

Andrea Conti ha scritto un lungo post sul proprio profilo Instagram dopo l’operazione al ginocchio sinistro:

“Operazione perfettamente riuscita 💪🏻 si riparte da qui, da questo letto, dalla fisioterapia, dalla voglia di non mollare mai e sorridere sempre, dalla voglia di ritornare sul campo non come prima ma più forte perché non sarà sicuramente questo “incidente” a fermarmi…

Mi ritengo fortunato perché ho scoperto che tante persone mi vogliono bene; a partire dalla mia società, a cui sarò sempre grato per quello che hanno fatto e stanno facendo per me, passando per i miei fantastici compagni, i tifosi che non mi stanno facendo mancare il loro sostegno e tutte le persone che mi hanno dedicato anche solo un minuto del loro tempo per un messaggio.

Poi c’è tutto l’amore della mia famiglia, della mia fidanzata e dei miei amici più cari, che mi danno una forza incredibile e mi rendono invincibile!

Sono pronto ad affrontare questa nuova partita e non mi interessa quanto durerà perché ho una voglia incredibile di tornare protagonista e spaccare il mondo: una stagione da protagonisti ci aspetta, e io voglio farne ancora parte!

Vi abbraccio
Andrea

#neverbackdown #semprecolsorriso #day1″.

Andrea Conti, terzino del Milan

Milan, stagione compromessa per Conti: le soluzioni di Montella

Una notizia che proprio non ci voleva. La rottura del legamento crociato del ginocchio di Andrea Conti ha scosso il venerdì di Milanello, rattristando e incupendo l’ambiente all’indomani della bella vittoria di Vienna per 5-1: il ko occorso all’esterno, d’altronde, lo relegherà ai box per i prossimi sei mesi e comprometterà di fatto tutta la sua prima stagione in rossonero. Rischiando, peraltro, di far sfumare per l’ex atalantino il sogno di andare ai Mondiali con la Nazionale italiana.

Nella giornata di oggi ci sarà l’operazione chirurgica al ginocchio sinistro, poi sarà tempo di una lunga e delicata riabilitazione: se tutto andrà per il verso giusto e non ci saranno intoppi, Conti tornerà a disposizione di Montella non prima di marzo, per poi tornare in condizione verosimilmente attorno ad aprile. Sino ad allora, l’Aeroplanino dovrà rinunciare a una delle frecce migliori al proprio arco: il 3-5-2, studiato e pensato per far rendere al meglio le caratteristiche della rosa, avrebbe esaltato tra tutte anche le doti offensive di Andrea.

Ma Montella, per almeno sei mesi, dovrà fare a meno della corsa, della freschezza e degli inserimenti del proprio poderoso terzino. I sostituti sono già in casa: è il ruolo naturale di Abate e Calabria, i quali sapranno alternarsi sulla corsia di destra sia in una linea a quattro sia sulla linea dei centrocampisti. Possibile talvolta anche l’utilizzo di Borini – l’ex Sunderland può ricoprire ogni ruolo dalla mediana in su -, altamente improbabile che lo faccia Suso: lo spagnolo giocherà più da trequartista/seconda punta. 

Ufficiale: Conti, rottura del legamento crociato anteriore. Sei mesi di stop

Brutte notizie dall’infermeria rossonera: secondo quanto raccolto da Sky Sport, questa mattina Andrea Conti ha subito la rottura del legamento crociato. Data la grave entità dell’infortunio, i tempi di recupero sarebbero di sei mesi.

Di seguito, il comunicato ufficiale del club:

Andrea Conti si è sottoposto oggi ad accertamenti clinici e strumentali, che hanno evidenziato la rottura del legamento crociato anteriore del ginocchio sinistro. L’esterno rossonero si sottoporrà domattina a un intervento chirurgico artroscopico di ricostruzione del legamento che verrà effettuato dalla equipe del Prof Schonhuber. I tempi di recupero sono stimati in sei mesi.

Conti, niente di grave alla caviglia. Ma salterà Lazio-Milan

Niente di grave per Andrea Conti, uscito per infortunio nel mezzo della gara disputatasi ieri tra Italia e Israele: per il terzino del Milan si tratta solo di una leggerissima distorsione alla caviglia, già sgonfiatasi rispetto alla serata. L’esito degli esami strumentali a cui si è sottoposto in giornata, dunque, è nel complesso positivo: Conti salterà Lazio-Milan di domenica solo in via precauzionale – riferisce Sky Sport – per poi tornare ad allenarsi coi compagni già da lunedì.

Bonaventura, non è grave l’infortunio in Milan-Shkendija

Arrivano notizie rassicuranti su Bonaventura. Uscito prima del termine della gara contro lo Shkendija per infortunio, il “5” del Milan non dovrebbe avere particolari problemi fisici: Jack ha lasciato il campo non appena ha sentito una piccola fitta al quadricipite, quasi a scopo precauzionale. Bonaventura – riferisce Sky Sport – potrebbe recuperare nel giro di qualche ora e prendere parte alla trasferta di domenica a Crotone.

Milan, riecco Romagnoli: rientro in gruppo, il ginocchio è ok

Arrivano finalmente buone notizie da Alessio Romagnoli e soprattutto dal suo ginocchio sinistro. Il difensore rossonero, infatti, è tornato ad allenarsi con i compagni per la prima volta in questo inizio di stagione: l’ex Samp – racconta stamane La Gazzetta dello Sportha svolto una parte del lavoro con il resto dei giocatori a disposizione di Montella, saltando la parte dedicata alla tattica e la partitella finale.

Il rientro in campo non è imminente, perché Romagnoli dovrà iniziare da zero la preparazione estiva e rimettersi al pari degli altri giocatori: non è facile, al momento, azzardare la data del ritorno del “13” in una gara ufficiale. In ogni caso, il miglioramento delle condizioni del ginocchio resta un’ottima notizia: la terapia conservativa per la quale ha optato il comparto medico del Milan a discapito dell’operazione chirurgica ha dato i frutti sperati.

L’abbondanza di bravi centrali nella rosa – Musacchio ha impressionato per doti tecniche e temperamentali, mentre Bonucci è una certezza assoluta – invita alla prudenza nell’ottica del ritorno in campo di Ale. Ma con lui le prospettive strutturali della squadra nel medio-lungo periodo cambierebbero significativamente: Montella potrebbe iniziare a strutturare una stellare difesa a tre Musacchio-Bonucci-Romagnoli, pilastro su cui fondare i futuri successi rossoneri.

Lucas Biglia e Luca Antonelli durante un allenamento con il Milan

Milan, domani esami strumentali per Lucas Biglia

Sarà domani il giorno della verità per Lucas Biglia. L’argentino, fermatosi martedì in allenamento a Milanello per un problema muscolare, sosterrà gli accertamenti clinici necessari per conoscere l’entità dell’infortunio: l’ex Lazio rischia di restare fermo sino a un mese, qualora venisse confermata l’ipotesi di uno stiramento.

San Siro accoglie Lucas Biglia al Milan

Milan, a breve esami per Biglia: si teme uno stiramento

Lucas Biglia non è stato convocato dal Milan per l’amichevole di domani sera a Catania contro il Betis Siviglia perché nell’allenamento di oggi ha accusato un problema muscolare. Nelle prossime ore Biglia verrà sottoposto ad accertamenti clinici: per il regista argentino si teme uno stiramento.

Fonte: ANSA.it

Milan, ancora niente Romagnoli: la speranza è rientrare in tempo per il campionato

In un’estate ricca per il Milan di entusiasmo ed euforia, la condizione fisica di Alessio Romagnoli è una delle pochissime note stonate. Il difensore di Anzio, infatti, continua ad avere problemi al ginocchio sinistro, lo stesso che aveva dato problemi già alla fine della scorsa stagione: la terapia conservativa messa in atto dalla fine del campionato non ha dato i risultati attesi, con il “13” ancora ai box.

La speranza di Romagnoli – riporta stamane La Gazzetta dello Sportè che il percorso di recupero possa concludersi positivamente in tempo per l’inizio del campionato, in programma a Crotone il 20-21 agosto. L’ipotesi di un’operazione chirurgica, paventata nelle scorse settimane, sembra essere stata definitivamente messa da parte.

Milan, finalmente Suso: rientro in campo con vista sul rinnovo

Riecco Suso. Dopo un’estate trascorsa a lavorare in solitaria sui campi di Milanello, per lo spagnolo è tempo di mettere piede in campo ed esordire nella stagione: non in un’amichevole, ma nel ritorno dei preliminari di Europa League contro il Craiova, in programma a San Siro tra due giorni. L’ex Liverpool ha superato i propri guai fisici e sarà inserito nella lista dei convocati, pronto a giocare qualora venisse chiamato in causa.

Tra tante assenze causa infortuni e lungaggini burocratiche del mercato, il rientro di Suso non può che soddisfare. Né un’estate nell’ombra, spesa a recuperare dall’infortunio, né l’attesa (sinora vana) di una chiamata del Milan per firmare il rinnovo del contratto lo hanno scalfito: oggi è pronto a tornare protagonista rossonero in campo e fuori. Per Montella, d’altronde, è un uomo chiave per il 4-3-3 e anche la dirigenza non ha mai nascosto la sua importanza nel progetto: presto le parti metteranno nero su bianco il prolungamento, come annunciato in tutte le salse e a più riprese anche dal giocatore.

Un calcio alle voci di mercato e uno ai problemi muscolari, poi per Suso sarà tempo di riprendere dove aveva finito la scorsa stagione, in cui è stato per rendimento e importanza uno degli uomini copertina del Diavolo 2016/17. L’annata chiusa in calando a causa di uno scadimento di forma e di troppi infortuni non ha guastato quanto di buono fatto: nove mesi complessivi di qualità e continuità per uno tra i più positivi del primo Milan di Montella. E ora, pure in una squadra rifondata da capo a piedi con dieci acquisti, Suso è chiamato a fare la differenza.

Romagnoli, niente operazione: vicino il rientro in campo

Manca poco al rientro in campo di Alessio Romagnoli. I problemi al menisco del ginocchio sinistro che tormentano il difensore da quasi quattro mesi non verranno risolti con un’operazione chirurgica: è stato deciso – riporta La Gazzetta dello Sportdi continuare con la terapia conservativa. E dunque, senza la necessità di finire sotto i ferri, sarebbe vicino il ritorno al calcio giocato di Romagnoli.

Milan, Romagnoli al lavoro: obiettivo raduno

Niente vacanze: Alessio Romagnoli continua a lavorare. Il difensore del Milan – scrive Tuttosport – sta proseguendo le terapie al ginocchio dopo i controlli effettuati a Barcellona la scorsa settimana. L’obiettivo di Romagnoli è presentarsi al meglio per il giorno del raduno rossonero, in calendario al 5 luglio.

Bonaventura, rientro in anticipo con la Primavera: sarà al top per il raduno

Bonaventura è tornato. Guarito ormai da settimane dalla lesione del tendine dell’adduttore sinistro, Jack è rientrato anche in campo, tornando a tastare il prato verde prima della fine della stagione. L’occasione è stata l’amichevole della Primavera del Milan contro l’Alessandria, disputata ieri al Vismara: 60 minuti pieni e positivi nel 6-1 finale rifilato dai giovani rossoneri ai piemontesi, sotto gli occhi anche del futuro tecnico della Primavera Gattuso.

Dopo la convocazione a Cagliari e la panchina del Sant’Elia, il centrocampista di San Severino Marche è tornato a vivere l’emozione della partita. Seppur amichevole, seppur con la formazione Primavera, per Bonaventura è stato un test importante per sancire definitivamente la propria guarigione. E anche per dimostrare di avere il piede ancora “caldo”: l’ex atalantino ha firmato una doppietta e un assist. Rientrando peraltro in anticipo rispetto alla tabella di marcia: Giacomo sarà in perfetta forma già per il raduno del 5 luglio, pronto a iniziare una stagione chiave per il futuro del Milan.

Insomma: il peggio è passato per davvero, per la gioia del giocatore e di mister Montella. Il Milan del futuro ripartirà da acquisti importanti – Musacchio e Kessié saranno solo i primi di una lunga serie – e forse da Gigio Donnarumma, ma anche dal suo uomo di maggior qualità in mezzo al campo, mancato come non mai negli ultimi mesi. Mezzala, esterno o trequartista, Jack tornerà a giocare il ruolo del jolly che ogni allenatore vorrebbe avere.

Abate annuncia: “Torno finalmente a lottare per la maglia del Milan!”

Tramite il proprio profilo facebook, Ignazio Abate ha annunciato la guarigione dal problema all’occhio che lo ha tenuto out tutta la stagione:

“Finalmente è arrivata l’idoneità e posso tornare a correre e lottare per la maglia!

Ringrazio la Società e tutto lo staff sanitario che mi ha curato, il Dott. Angelo Appiotti, la Dottoressa Grazia Pertile. Grazie anche al fisioterapista Fabrizio Ragusa.

Un ringraziamento speciale al Dottor Tavana, che non mi ha mai lasciato solo ed è stato un punto di riferimento fondamentale in questi mesi, e al mio agente Mino, che mi ha accompagnato in capo al mondo e mi ha sempre sostenuto in ogni momento!

Infine grazie di cuore a voi tifosi…per l’affetto e per il sostegno! Con il Milan nel cuore…sempre!“.

Milanello, torna a lavorare Bonaventura

Riecco Jack Bonaventura. Il centrocampista del Milan, fermo da quattro mesi a causa della lesione del tendine del lungo adduttore della coscia sinistra, è tornato ad allenarsi a Milanello: l’ex Atalanta ha svolto ieri lavoro personalizzato, mentre oggi ha iniziato per la prima volta a lavorare con il gruppo. Bonaventura non sarà evidentemente a disposizione per l’ultima gara di campionato col Cagliari: l’obiettivo è tornare al meglio per l’inizio della prossima stagione.

Romagnoli, visita di controllo al menisco

Non solo Musacchio stamane alla “La Madonnina”. Anche Alessio Romagnoli, suo futuro compagno di reparto, ha fatto visita alla clinica meneghina: l’ex Samp – fa sapere Sky Sport – ha effettuato una visita di controllo al menisco, problema che lo ha costretto a saltare tre partite prima del rientro in Atalanta-Milan. Accompagnato dal padre e dal medico sociale Rudy Tavana, Romagnoli si sta sottoponendo a degli esami strumentali.

Bonaventura: “Torno ad allenarmi entro fine stagione. Gli infortuni hanno pesato”

Il centrocampista del Milan, Jack Bonaventura, ha parlato ai microfoni di Premium Sport:

“Sto lavorando e penso che per la fine del campionato riuscirò a fare qualche allenamento con la squadra. Sto bene. Il nostro obiettivo è quello di andare in Europa. Sono contento per l’Atalanta. Di sicuro, adesso, vedendo le partite ho visto la squadra con un’ottica diversa.

Quest’anno abbiamo avuto tantissimi infortuni e ci hanno costretto a cambiare tanti uomini. Quando hai un impegno a settimana, ci vuole continuità nei giocatori. Ora dobbiamo fare un grande finale di stagione per centrare l’obiettivo”.

Milan, Montolivo torna titolare dopo l’infortunio

In attesa di capire se Montella stravolgerà veramente la squadra proponendola contro l’Atalanta col 3-5-2 (clicca qui per i dettagli), il Milan ritroverà in ogni caso una pedina importante dal 1′: Riccardo Montolivo. Il capitano rossonero tornerà titolare a Bergamo a sette mesi di distanza dall’incidente avuto in Nazionale, costatogli la rottura del legamento crociato: il “18” riprenderà posto davanti alla difesa, coadiuvato ai lati da Pasalic e uno tra Suso e Bertolacci.

Milan, migliora ancora Romagnoli: può partire titolare contro l’Atalanta

Ottimismo sulle condizioni fisiche di Alessio Romagnoli. Le buone impressioni raccolte dopo l’allenamento di ieri a Milanello sono state confermate anche oggi: il difensore di Anzio ha lavorato nuovamente con il resto del gruppo, saltando soltanto la partitella di fine seduta. Merito di un ginocchio finalmente in miglioramento dopo i tanti problemi avuti nelle scorse settimane, che hanno costretto l’ex Samp a saltare le partite contro Empoli, Crotone e Roma.

Montella, dunque, può guardare con maggior tranquillità alla trasferta di sabato in casa dell’Atalanta. Si alzano le chance di recupero di Romagnoli e con esse anche di ritrovare una solidità difensiva perduta: il Milan andrà a Bergamo con una retroguardia decimata a causa di infortuni e squalifiche – i lungodegenti Abate-Antonelli più Calabria, oltre all’espulso e indisponibile Paletta – e il recupero del numero 13 sarebbe cruciale per ridare certezze a un reparto apparso in chiara difficoltà. 

Le indicazioni definitive sulle condizioni fisiche di Romagnoli arriveranno dalla seduta di rifinitura di domani, ma al momento è possibile che a Bergamo parta titolare. Il Milan, Montella e il ragazzo sono però d’accordo su un punto: non verrà preso alcun rischio, con Alessio che non forzerà e tornerà in campo solo se sarà in buone condizioni. Altrimenti, spazio a una linea arretrata totalmente inedita: De Sciglio-Gomez-Zapata-Vangioni. 

Romagnoli migliora, si candida a titolare per Bergamo

Netti miglioramenti per Alessio Romagnoli. Il difensore rossonero, fuori nelle ultime tre partite per problemi al ginocchio, è sulla via della guarigione: ieri ha svolto buona parte della seduta insieme ai compagni – scrive il Corriere dello Sport – e si candida già per una maglia da titolare a Bergamo, dove il Milan si giocherà contro l’Atalanta una buona fetta d’Europa.

 

Milan, Romagnoli verso il rientro

Alessio Romagnoli ha quasi superato del tutto il problema al ginocchio che l’ha costretto a saltare in successione sia l’Empoli che il Crotone. Il difensore ha buone possibilità di essere quantomeno convocato per la gara che vedrà il Milan opposto alla Roma nel prossimo turno. L’ex dei giallorossi, infatti, ha svolto in gruppo buona parte della sessione, esclusa la partitella finale (a scopo precauzionale). Assenti Antonelli, Poli e Vangioni.

Fonte: Tuttosport

Ibrahimovic operato al ginocchio. Raiola: “Tornerà a giocare”

“Mollare non è un’opzione, solo io decido quando è ora di smettere”. Così scriveva su Instagram, Zlatan Ibrahimovic una settimana fa. Adesso arriva l’esito dell’operazione a confermare che il bomber svedese potrà continuare a giocare. L’attaccante del Manchester United è stato sottoposto “con successo” ad un intervento chirurgico ai legamenti del ginocchio destro infortunato lo scorso 20 aprile in una partita di Europa League contro l’Anderlecht. L’infortunio subito non lo costringerà a concludere la carriera, come si temeva, e il 35enne ex Juve, Inter e Milan potrà effettuare un “completo recupero”. Lo rende noto il suo agente, Mino Raiola. L’intervento è stato eseguito a Pittsburgh, negli Stati Uniti, dal dottor Freddie Fu e dal dottor Volker Musahl, che seguiranno la riabilitazione dell’attaccante svedese.

“INTERVENTO RIUSCITO PERFETTAMENTE” — Questo il testo del comunicato diffuso da Raiola: “Zlatan Ibrahimovic è stato sottoposto nella giornata di oggi ad un intervento chirurgico al ginocchio che è riuscito perfettamente. Avrà un recupero completo e la sua carriera calcistica non è assolutamente a rischio dopo questo infortunio. Zlatan ha già cominciato la sua riabilitazione presso UPMC e rimarrà sotto la cura del Dr. Fu e del Dr. Musahl durante il suo recupero. Zlatan e il team medico non sono disponibili per le interviste in questo momento. Ulteriori aggiornamenti verranno dati successivamente”.

Fonte: La Gazzetta dello Sport

Romagnoli ancora ko, salta Crotone-Milan

Niente da fare per Alessio Romagnoli. Il difensore di Anzio, assente a Milan-Empoli a causa di un problema al ginocchio sinistro, salterà anche l’importante gara di domenica contro il Crotone: l’ex Samp – si legge su La Gazzetta dello Sport – non sta ancora bene e salvo sorprese dovrà dare forfait per la trasferta in terra calabrese. Allo “Scida”, dunque, spazio ancora al tandem Zapata-Paletta.

Ibra, Milan nel futuro: vuole fare il dirigente

Il sogno di Zlatan Ibrahimovic? Diventare dirigente del Milan. Lo ha rivelato Carlo Pellegatti nel corso di Premium Sport News. L’attaccante svedese, al momento fermo per la rottura del crociato, non ha mai nascosto il suo amore per i colori rossoneri: lo stesso Adriano Galliani, del resto, rivelò che il giocatore non gli parlò a lungo dopo la cessione al PSG perché lui non avrebbe mai lasciato Milanello.

Più volte, nel corso delle ultime stagioni, il nome di Ibra è stato riaccostato al Milan, ma alla fine il ritorno non si è mai concretizzato. Prima che si infortunasse, il giocatore aveva già programmato il proprio futuro: chiudere la carriera negli Stati Uniti d’America, giocando per un’altra stagione ai Los Angeles Galaxy, e poi tornare a Milano in veste di dirigente.

L’infortunio potrebbe soltanto rimandare il grande ritorno: probabilmente Ibra vorrà dimostrare ancora di essere il numero uno sul campo, da calciatore, ma quel sogno resterà nel cassetto, pronto ad essere realizzato…

Fonte: Premium Sport HD

Montolivo: “Sono a disposizione di Montella”

Tornato tra i convocati di Montella dopo il lungo infortunio al ginocchio, Riccardo Montolivo ha parlato nel pre partita di Milan-Empoli: “È stata lunga, ma la cosa più importante era guarire bene – ha dichiarato il capitano a Sky Sport -. Ora sono a disposizione, deciderà il mister se e quando utilizzarmi“.

Antonelli, ko muscolare

Problema muscolare per Luca Antonelli. Il terzino del Milan soffre per un guaio riportato al quadricipite: un ko che gli ha impedito di partecipare alla seduta di rifinitura a Milanello e che gli è costata l’esclusione dalla lista dei convocati per la partita con l’Empoli.

Ibrahimovic, è grave l’infortunio al ginocchio: out 8-9 mesi

Le brutte impressioni a caldo di ieri sera, purtroppo, sono state confermate. È grave il ko rimediato da Zlatan Ibrahimovic: nel corso di Manchester United-Anderlecht, lo svedese ha riportato la rottura del legamento crociato anteriore e posteriore del ginocchio destro. I tempi di recupero previsti sono estremamente lunghi: Ibra rischia uno stop di almeno 8-9 mesi e dovrà essere valutato anche l’ipotetico interessamento dei menischi. Nei prossimi giorni si sottoporrà ad intervento chirurgico.

Milanismo e tutti i tifosi rossoneri augurano a Ibra un ritorno veloce e brillante al calcio giocato, convinti che possa tornare ancora più fenomenale e immarcabile di prima. 

Forza Zlatan!

 

Bertolacci è ancora ko

Per Bertolacci non è ancora tempo del rientro in campo. Il centrocampista del Milan, infortunatosi pochi secondi dopo l’inizio del match tra i rossoneri e il Genoa dello scorso 18 marzo, dovrà restare lontano dal prato verde di San Siro per altro tempo: il ko muscolare alla gamba destra non è stato ancora pienamente assorbito e il giocatore non è tornato a disposizione di Montella.