Taggato: Austria Vienna

Austria Vienna-Milan, le pagelle: Calha-Silva show, Romagnoli fondamentale

Le pagelle di Austria Vienna – Milan, prima gara del Gruppo D di Europa League 2017/2018.

Donnarumma:  6
Un solo intervento, preciso e puntuale, per distruggere i sogni di gloria degli austriaci. Incolpevole sul colpo ravvicinato di Borkovic.

Zapata: 6-
L’unica sbavatura della serata regala il gol della bandiera ai padroni di casa. Calimero.

Bonucci: 6,5
Tornato nel suo habitat e, complice un avversario tutt’altro che temibile, torna ad essere il Bonucci che conosciamo. Sventagliate comprese.

Romagnoli: 7
Il migliore per distacco del reparto arretrato, niente a che fare con le prime precarie uscite stagionali. Fondamentale.

dal 74′ Musacchio:  s.v.
Sgambata per far rifiatare il rientrante Romagnoli. Nulla da segnalare.

Abate: 6,5
L’avversario non irreprensibile e la posizione avanzata gli permettono di arrivare sul fondo con continuità, come ai vecchi tempi.  Amarcord.

Kessié: 6,5
Giallo inutile a parte, partita di sostanza impreziosita dalla firma in ben due azioni da gol. Il Kessié appannato di Roma sembra un lontano ricordo.

dal 62′ Bonaventura:  6
Mezz’ora utile per timbrare la presenza numero 100 in maglia rossonera. Auguri Jack!

Biglia: 6,5
La squadra gira (anche) per merito suo, e la sua prestazione migliora di conseguenza. Lascia la copertina a Calhanoglu, badando più all’ordinaria amministrazione.

Calhanoglu: 8
Prima ufficiale da trequartista: un gol, due assist, palloni recuperati, falli conquistati. Prestazione da incorniciare.

Antonelli: 6+
Come Abate, è libero di interpretare il ruolo di esterno a tutta fascia come meglio crede: meno appariscente, ma ugualmente efficace.

Kalinic: 6,5
Funzionale. Non sarà il complimento migliore da fare a un centravanti, ma non c’è altro aggettivo per descriverlo. Ottima l’intesa con André Silva.

dal 62′ Suso: 6,5
Segna un eurogol al primo pallone toccato, anche se con deviazione decisiva.

André Silva: 8
Torna titolare, dopo qualche panchina di troppo, e chiude la serata col pallone sotto il braccio. Il ragazzo c’è e si vede.

Montella: 6,5
Ottima iniezione di fiducia in vista del (definitivo?) passaggio a tre. Ora sotto con Udinese e Spal, a caccia di conferme.

L'amministratore delegato del Milan Marco Fassone

Fassone: “Sorpresi dalle dimensioni della sconfitta. Siamo una squadra in costruzione, ci vuole tempo”

All’indomani del pesante ko con la Lazio, l’amministratore delegato del Milan Marco Fassone ha rilasciato un’intervista al Corriere dello Sport.

Sulla sconfitta di Roma: “Non me lo sono ancora spiegato, lascio che le spiegazioni giuste se le diano Mirabelli e Montella. Devo dire che tutti noi ci aspettavamo prima poi questa marcia dei sei successi consecutivi si sarebbe potuta interrompere. Siamo consapevoli che la squadra è in costruzione, che ci vogliono i tempi eccetera. Ci ha un po’ sorpreso la proporzione e le dimensioni con le quali questa sconfitta è maturata”.

Sugli obiettivi: “Gli obiettivi assolutamente non cambiano: quest’anno, noi riteniamo di avere le carte in regola per potercela giocare e per poter competere per conquistare uno dei quattro posti che danno l’accesso all’Europa. È un obiettivo manifesto, è un obiettivo dichiarato, lo abbiamo sempre detto. I capitomboli come quelli di ieri sono importanti a nostro giudizio ed è importante che sia maturato anche in questo modo proprio per toglierci gli alibi, per guardarci dentro e per capire cosa non funzionato e ripartire proprio da giovedì, almeno con uno spirito diverso”.

Sulle critiche a Bonucci: “Mi è un po’ spiaciuto quando ho visto stamattina che le critiche si sono accentrate magari più su di lui che su altri. Ieri c’è stata una prestazione negativa della squadra in generale. Bonucci è il capitano, il leader, non è solo un acquisto fortemente voluto ma è un perno, un puntello, ha una credibilità assoluta e totale. Il giocatore che alla fine della partita ha deciso di metterci la faccia e di andare a parlare. Ha tutto il nostro apprezzamento e la partita di ieri non intacca nemmeno dello 0,1% la stima che abbiamo in lui”.

Sull’esordio di giovedì e sulle ambizioni in Europa League: “La giocheremo con una buona ambizione, quanto meno con l’idea di avere una competizione internazionale importante che ci accompagna a rifamiliarizzare con questo tipo di competizioni. Sappiamo che è difficile e non ci lasciamo ingannare dal fatto che apparentemente il gruppo sia alla nostra portata. Andiamo per step: il primo obiettivo è qualificarsi, qualificarsi bene e se ci riusciamo da primi nel girone perché questo da punti, dà valore e permette un sorteggio migliore. Dopo se avremo la capacità di raggiungere la fase ad eliminazione diretta cercheremo di andare il più avanti possibile. Certamente quello che garantiamo è il massimo impegno per una competizione che riteniamo importante”.

Europa League, ecco i gruppi e i calendari: il Milan pesca Austria Vienna, Rijeka e AEK Atene

Milan, Austria Vienna, Rijeka e AEK Atene. È questo il verdetto emerso dall’urna di Montecarlo per il girone rossonero della prossima UEFA Europa League, in programma a partire dal prossimo 14 settembre. Inseriti nel gruppo D, i ragazzi di Montella viaggeranno tra Austria, Croazia e Grecia per la fase a gruppi del torneo: schivati i pericoli Everton, Marsiglia e Nizza, per un sorteggio nel complesso positivo.

La prima gara del Milan si giocherà a Vienna, il 14 settembre, mentre l’esordio a San Siro avverrà due settimane dopo (28 settembre) contro il Rijeka. Poi ci sarà la doppia sfida all’AEK Atene, prima in casa il 19 ottobre e poi in Grecia il 2 novembre, quindi la terza e ultima partita del gruppo al Meazza, in calendario contro l’Austria Vienna il 23 novembre. Chiude il gruppo la trasferta a Fiume del 7 dicembre 2017.

Riassumiamo dunque i giorni e gli orari delle sei partite del girone del Milan:

1^ giornata: Austria Vienna-Milan, 14 settembre 2017, ore 19.
2^ giornata: Milan-Rijeka, 28 settembre 2017, ore 21.05.
3^ giornata: Milan-AEK Atene, 19 ottobre 2017, ore 21.05.
4^ giornata: AEK Atene-Milan, 2 novembre 2017, ore 19.
5^ giornata: Milan-Austria Vienna, 23 novembre 2017, ore 21.
6^ giornata: Rijeka-Milan, 7 dicembre 2017, ore 19.

Qui di seguito, invece, la composizione al completo dei dodici gruppi dell’Europa League 2017-18:

GRUPPO A: Villarreal, Maccabi Tel Aviv, Astana, Slavia Praga.
GRUPPO B: Dinamo Kiev, Young Boys, Partizan, Skenderbreu.
GRUPPO C: Braga, Ludogorets, Hoffenheim, Istanbul Basaksehir.
GRUPPO D: Milan, Austria Vienna, Rijeka, AEK Atene. 
GRUPPO E: Lione, Everton, Atalanta, Apollon Limassol.
GRUPPO F: Copenaghen, Lokomotiv Mosca, Sheriff Tiraspol, Zilina.
GRUPPO G: Viktoria Plzen, Steaua Bucarest, Hapoel Beer-Sheva, Lugano.
GRUPPO H: Arsenal, BATE Borisov, Colonia, Stella Rossa.
GRUPPO I: Salisburgo, Marsiglia, Vitoria Guimaraes, Konyaspor.
GRUPPO J: Athletic Bilbao, Hertha Berlino, Zorya, Ostersund.
GRUPPO K: Lazio, Nizza, Zulte Waregem, Vitesse.
GRUPPO L: Zenit, Real Sociedad, Rosenborg, Vardar.