Taggato: Under 21

Under 21, netto 6-2 all’Ungheria: doppietta di Cutrone

La Nazionale Under 21 è tornata in campo dopo le due partite giocate il mese scorso, e ha travolto a Budapest l’Ungheria per 6-2. Gli azzurrini hanno archiviato il match già nel primo tempo, chiuso sul 5-0. La squadra di Di Biagio, che è proiettata verso il quadriennio che porterà alle Olimpiadi di Tokyo del 2020, ha messo in mostra uno straordinario Patrick Cutrone che, con il fiorentino Chiesa, ha messo a segno una doppietta. Il giovane attaccante del Milan ha aperto le danze, colpendo un palo dopo soli 12′ e al 16′ ha fatto centro, raddoppiando poi per l’Italia al 24′ su rigore, concesso per un fallo sul figlio d’arte Federico Chiesa che, al 28′ ha calato il tris. Il poker è arrivato per merito dell’esordiente Depaoli al 31′. Proprio allo scadere del 45′ è arrivato anche il 5-0 di Chiesa. Nella ripresa girandola di sostituzioni e Ungheria in gol con Makrai che sfrutta un errore difensivo. Orsolini al 37′ ristabilisce le distanze e sempre Makrai chiude i conti al 42′, per un 6-2 che non ammette repliche.

Fonte: ANSA

Gigio: “Ho rinunciato a tanto per il Milan. Il primo no? “Colpa” degli Europei. Ero preoccupato per San Siro, e invece…”

Il portiere del Milan e della Nazionale, Gigio Donnarumma, ha rilasciato una lunga intervista sulle colonne del Corriere della Sera. Di seguito le dichiarazioni più importanti rese dal “99” rossonero.

Sul dividere la camera col fratello Antonio: “Sono io che russo! Quando dormo io, neanche una bomba mi sveglia. Scherzi a parte, dopo tanti anni passati lontano, è proprio bello stare sempre assieme, come facevamo da piccolini. Condividere poi il ruolo di portiere è ancora più stimolante”.

Sull’etichetta di “raccomandato” ad Antonio: “Ne ha già parlato lui. Allenarmi con Antonio aiuta anche me a crescere e guardate che qui, con mister Magni, si fa un ottimo lavoro. Certo si scherza anche, perché lavorare senza scherzare è pesantissimo”.

Su Bonucci: “Devo dire che mi ha fatto una grandissima impressione. Sono sincero, quando ho saputo che sarebbe arrivato sono rimasto sorpreso, l’ad Fassone e il ds Mirabelli stanno facendo un lavoro incredibile. Sono sicuro che Leo ci darà una grande mano, anche sul piano della personalità”.

Sul PSG: “Nella mia testa c’è sempre stato solo il Milan. Ho ricevuto tante offerte, dico la verità, e ho rinunciato a tanto per restare in quella che considero casa mia”.

Sul “no” iniziale al Milan e sulla contestazione: “In quel periodo ero concentrato solo sugli Europei Under 21 che stavano per iniziare. Ho 18 anni, ero in un momento importante che poteva indirizzare la mia carriera. Non avevo la testa per decidere, volevo aspettare almeno la fine del torneo. Come ho detto, in quel momento sono anche arrivate molte offerte, avrei potuto guadagnare persino di più, ma non è stata una questione di soldi. Durante gli Europei, poi, si è scatenato un putiferio, sono stato molto male, c’è stato quell’episodio dei dollari falsi lanciati dai tifosi. Non è stato un momento facile”.

Sull’Europeo Under 21: “Io ho cercato sempre di lavorare al massimo, ho dato la mia totale disponibilità al c.t. Di Biagio, mi dispiace tanto per il risultato. Poi, sa, le prestazioni dipendono da tante cose”.

Su San Siro e sull’accoglienza: “Sì, ero un po’ preoccupato, lo ammetto, avevo paura di una reazione negativa del pubblico, ero un po’ pessimista. Invece sono stati bravissimi, mi hanno accolto esattamente come avevano chiuso lo scorso anno”.

Sui social: “Non ho cambiato il modo di usarli. Certi giorni sono socialissimo, certi altri non posto niente. Li uso per distrarmi dopo l’allenamento, per non pensare solo al campo. Se ho pensato che fossero esagerazioni? Massì, ma se si fosse parlato solo di calcio non ci sarebbero stati problemi. Invece sono stati espressi giudizi sulla mia famiglia, sono state dette cose molto brutte, che hanno fatto stare molto male i miei».

Sul cognato molto “social”: “Sono molto legato a lui, perché ha cominciato a frequentare casa nostra quando io ero piccolino e Antonio era già partito. Mi ha cresciuto come un fratello”.

Sull’esame di maturità: “So bene quanto è importante lo studio e che mi dispiace ma in quel momento non mi sentivo pronto, come credo succeda ad altri ragazzi. Non avevo studiato, è stato un anno impegnativo. Ma è una sfida importante: ho promesso alla mia famiglia e a me stesso che la affronterò più avanti”.

Su Montella e sul ruolo che ha avuto per farlo restare: “Ma quello è stato solo un caffè, niente di che, non si è parlato di mercato. Ma sì, ci lega il fatto che veniamo entrambi dalla Terronia. A parte le battute, con il mister ho un rapporto ottimo, scherziamo sempre in napoletano. Ed è vero, per la sua esperienza, lui poteva capire la mia situazione meglio di tanti altri”.

Sulla sua terra d’origine: “Appena vedo il cartello che indica la fine del Lazio e l’inizio della Campania io sto già meglio, sento odore di mare, mi sento a casa”.

Sulle ambizioni del Milan: “L’obiettivo è tornare in Champions. È vero che abbiamo cambiato tanto, dobbiamo cercare di fare gruppo e far ambientare al meglio i giocatori nuovi. Stiamo tutti ascoltando il mister. Speriamo di fare grandi cose”.

Sulla Juve: “È per forza la favorita. Cerchiamo di battere tutte le altre e poi quando incontriamo la Juve cerchiamo di battere anche lei. Ma ci siamo anche noi tra le squadre da battere”.

Se il Milan è il suo “esame di maturità”: “In un certo senso… Credo che quest’estate “bellissima” mi abbia fatto crescere molto. Sì, mi sento più maturo”.

Deulofeu: “Futuro? Sono concentrato sull’Europeo”

Gerard Deulofeu, capitano della Spagna Under 21, ha parlato così della finale di domani contro i pari età della Germania, dribblando le domande sul futuro.

Sull’Europeo: “Sono molto orgoglioso della mia squadra, giocheremo per vincere. Il mio miglior gol è quello che sta per arrivare, e spero arrivi domani. E’ la partita più importante che giocherò con l’Under 21. Sono molto soddisfatto dell’Europeo che sto facendo – riporta MilanNews.it – anche se ciò che conta è la squadra: mi sento migliorato, molto più maturo e cerco sempre di aiutare la squadra”.

Sul futuro: “Sono concentrato sulla gara di domani e non ci penso: sono molto orgoglioso di essere qui, il nostro obiettivo si chiama Germania e il calcio dà rivincite e notti magiche come quelle di domani”.

Donnarumma: “Sono sereno, mi spiace per questo putiferio. Ora penso all’Europeo. Sul futuro…”

Gigio Donnarumma ha parlato in conferenza stampa dal ritiro della Nazionale italiana Under 21 in Polonia. Di seguito le sue dichiarazioni più importanti.

Su come sta: “Ci tenevo a venire perché voglio dimostrare che sono sereno e che penso solo alla partita di domani con la Spagna. Mi spiace per questo putiferio che si è creato, ma penso solo a domani. Per il mio futuro si vedrà dopo la Nazionale”.

Sui gol presi: “Non ho avuto il tempo di pensarci. Ma di sicuro non è per la testa, anzi: sono tranquillo e sono qui a pensare alla Nazionale e a vincere l’Europeo”.

Sui social: “Possono essere divertenti o no, io li uso per passare un po’ di tempo”.

Su chi lo ha impressionato in questo Europeo: “Per stare qui sono tutti forti. In ogni partita ci sono quelli chiave di ogni squadra, guardiamo video per questo. Schick tra tutti è quello che mi ha impressionato di più: è un ottimo giocatore”.

Su cosa crede di dover fare: “Affronto la partita tranquillo dando il meglio di me. Anche domani darò il meglio aiutando la squadra, sono tranquillissimo”.

Su Magni e sui preparatori dei portieri della Nazionale: “Ognuno ha il suo metodo, ma cerco di adattarmi alle situazioni. Sono tutti ottimi mister e li ringrazio per quello che stanno facendo per me”.

Sul giorno di riposo in più della Spagna: “Penso solo a domani, ci tenevo a venire in conferenza e a farvelo capire”.

Se userà ancora i social: “Li riutilizzerò sicuramente”.

Sulla contestazione e sul lancio dei dollari nella prima partita: “Non me l’aspettavo e pensavo fossero addirittura carta normale. Ci abbiamo scherzato su coi compagni, ma sono concentrato sull’Europeo e sul dare tutto”.

Su chi è favorito: “Lo siamo tutte e quattro, ce la possiamo giocare con tutte. Sarà difficile, ma siamo pronti a dare il massimo per arrivare fino in fondo”.

Sull’Europeo: “È un’esperienza fantastica che mi aiuterà e farà crescere moltissimo”.

Enzo Raiola: “Gigio? È serenissimo”

Enzo Raiola, cugino dell’agente Mino e amico personale di Gigio Donnarumma, è volato in Polonia per stare vicino al “99” del Milan, impegnato in questi giorni nell’Europeo Under 21. Si è vociferato che ci fosse anche una motivazione legata al possibile rinnovo del portiere con i rossoneri, ma lo stesso Enzo Raiola ha smentito:

“Sono qui per guardare la partita – ha dichiarato nel pre partita di Italia-Germania a La Gazzetta dello Sport -, parlate con Mino. Gigio? È serenissimo“.

Italia, va avanti l’Under 21: battuta 1-0 la Germania, è semifinale

Impresa compiuta. L’Italia Under 21 è alle semifinali degli Europei di categoria: decisiva la vittoria per 1-0 ai danni della Germania, qualificatasi anch’essa tra le migliori quattro del torneo da seconda del girone. Decisivo un gol segnato nel primo tempo da Bernardeschi, ma soprattutto la debacle della Repubblica Ceca contro la Danimarca (4-2) nell’altra gara del girone.

90′ in campo per Gigio Donnarumma, titolare della porta azzurra, mentre Locatelli è subentrato a 5 minuti dal termine: per Manuel è stato l’esordio nella manifestazione. Solo panchina, invece, per l’altro milanista Calabria. Ora per l’Italia si preannuncia una sfida molto impegnativa: i ragazzi di Di Biagio dovranno vedersela con la temibile Spagna, capitanata dal rossonero Deulofeu.

Milan, fronte Donnarumma: Enzo Raiola è in Polonia da Gigio

Quelle certezze in più auspicate da Fassone potrebbero arrivare già nelle prossime ore. Perché Enzo Raiola, cugino di Mino nonché persona più vicina a Gianluigi Donnarumma, è arrivato in Polonia per assistere alla partita di stasera con la Germania, decisiva per il percorso degli azzurrini agli Europei.

Se il giocatore vorrà rinnovare, lo riferirà appunto ad Enzo Raiola. Qualora arrivasse questo input, potrà cominciare concretamente un dialogo per il rinnovo di contratto. La famiglia del portiere, invece, è rimasta a Pompei.

Fonte: Gianluca Di Marzio

Deulofeu: “Il Milan? Sono stato felice, era ciò che cercavo. Voglio conquistare il mondo”

Gerard Deulofeu, stella e capitano della Nazionale spagnola Under 21, ha rilasciato un’intervista al quotidiano iberico AS. Di seguito gli stralci più importanti.

Sull’Europeo Under 21: “La sensazione è che questa sia una generazione di giocatori straordinari. Voglio conquistare il mondo e arrivare sino in cima. Ora dobbiamo dimostrare sul campo tutto ciò che sappiamo fare”.

Sul personale: “Ora sono più maturo e più paziente. Andando all’Everton ho lasciato il mio paese, ho fatto esperienza in un altro campionato e sono stato con giocatori da cui si impara sempre”.

Sul Milan: “È un periodo che mi ha soddisfatto e in cui sono stato felice: era quello che cercavo”.

Da Varsavia per contestare Donnarumma: “Soldi finti come il suo amore per il Milan”

Si sono fatti trecento chilometri da Varsavia a Cracovia per contestare Gianluigi Donnarumma in occasione della sua prima partita dopo il ‘gran rifiuto’ al rinnovo con il Milan. Sono i tifosi del Milan Club Polonia che ieri sera, durante il debutto dell’Under 21 all’Europeo, hanno esposto uno striscione con la scritta “Dollarumma” e lanciato contro il portiere azzurro dei soldi finti, “così come è finto il suo amore per il Milan”.

Fra di loro anche Roman Sidorowicz, che ha raccontato la protesta del gruppo di tifosi polacchi intervenendo su Radio Sportiva. “Per aspettare un’altra partita del Milan ci vogliono mesi, e poi non si sa se Donnarumma giocherà un’altra partita col Milan – ha raccontato -. Siamo partiti da Varsavia con altri ragazzi e membri del consiglio direttivo del club per questa protesta. Ci siamo sentiti offesi. Aveva baciato la maglia, aveva detto che il Milan era la sua squadra del cuore, poi però non ha rinnovato: per tutti i milanisti questa è una grande offesa“.

Fonte: ANSA.it

Under 21, i convocati per l’Europeo: presenti Gigio, Calabria e Locatelli

Di seguito la lista dei 23 convocati del c.t. Di Biagio per gli Europei Under 21, in programma in Polonia dal prossimo 16 giugno:

Portieri: 17 Alessio Cragno (Benevento), 1 Gianluigi Donnarumma (Milan), 19 Simone Scuffet (Udinese);

Difensori: 3 Antonio Barreca (Torino), 14 Davide Biraschi (Genoa), 2 Davide Calabria (Milan), 13 Mattia Caldara (Atalanta), 12 Andrea Conti (Atalanta), 22 Alex Ferrari (Verona), 23 Nicola Murru (Cagliari), 4 Daniele Rugani (Juventus);

Centrocampisti: 15 Marco Benassi (Torino), 5 Danilo Cataldi (Genoa), 18 Roberto Gagliardini (Inter), 8 Alberto Grassi (Atalanta), 21 Manuel Locatelli (Milan), 6 Lorenzo Pellegrini (Sassuolo);

Attaccanti: 7 Domenico Berardi (Sassuolo), 10 Federico Bernardeschi (Fiorentina), 9 Alberto Cerri (Pescara), 20 Federico Chiesa (Fiorentina), 16 Luca Garritano (Cesena), 11 Andrea Petagna (Atalanta).

Milan, nuovo contatto per il rinnovo di Donnarumma

Un’offerta importante, intorno ai 4,5 milioni di euro a stagione più bonus, per rinnovare il contratto. Il Milan vuole ripartire da Gigio Donnarumma per il futuro, affidando al suo giovane portiere le speranze di crescita nella prossima stagione. Ora si attende la risposta del classe ’99, che arriverà tra i due appuntamenti con la Nazionale maggiore e quello successivo con l’under 21.

Questa mattina, infatti, c’è stato un ulteriore contatto tra il Milan e gli agenti di Gigio, che hanno chiesto alla società di attendere almeno fino al 12 o 13 giugno per avere questa risposta. I dirigenti rossoneri hanno dato l’ok, ma non hanno intenzione di andare oltre questa data. Un nuovo appuntamento telefonico, con possibile incontro tra le parti, è quindi fissato prima della partenza del portiere per il raduno dell’under 21 a Roma (fissato per il 14 giugno). Meno di dieci giorni per la risposta definitiva, il Milan attende la decisione di Gigio Donnarumma.

Fonte: Gianluca Di Marzio

Gigio, altro bivio: maturità o Europeo Under 21?

Giorni impegnativi per Gigio Donnarumma. Oltre al chiacchierato rinnovo con il Milan, e alla decisione sulla permanenza o meno in rossonero, il portiere di Castellammare deve decidere se sostenere gli esami di maturità o partecipare agli Europei Under 21: le date delle prove scritte e delle fase a gironi del torneo – riporta La Gazzetta dello Sport – si “scontrano”. Gigio deve ancora sciogliere la riserva, ma è orientato a dare la precedenza alla scuola, spalleggiato dal Milan.