Editoriali

La nave deve arrivare al porto

Gennaro Gattuso, allenatore del Milan.

Da premettere che la strana situazione capitata agli uomini di Rino Gattuso, non è una di quelle ferite che si cicatrizzano solo con il tempo che passa e senza starci lì a pensare. La burrasca che attraverserà la squadra nel prossimo periodo avrà indubbiamente delle ripercussioni sulla classifica, che sarà vittima di partite prive di perni fondamentali per i meccanismi del tecnico calabrese, difficilmente rimpiazzabili. Non si vogliono mettere le mani avanti, ma è un campanello d’allarme che risuona  prepotente nelle nostre teste, sintomo della nostra consapevolezza e convinzione dei limiti della rosa al completo, figurarsi in una situazione come questa.

Ma che soluzione può adottare Gattuso?

Si è parlato di un possibile adattamento di Frank Kessiè come centrale di difesa, priva del suo capitano oltre che di Caldara e Musacchio. L’ex centrocampista Atalantino avrebbe già ricoperto quel ruolo in passato e potrebbe rispolverarlo per mettere una pezza sulla situazione difensiva rossonera. 

Altra ipotesi riguarda il difensore Stefan Simic, aggregato alla prima squadra è un centrale difensivo di ruolo, ma i dubbi sono legati alla sua esperienza in palcoscenici mai calcati prima d’ora e potrebbe non essere pronto a fare l’ulteriore passo in avanti così velocemente.

La situazione tattica che invece potrebbe più di tutte ingolosire l’allenatore del Milan è quella di giocare con una difesa a tre mascherata, possibile grazie a due giocatori duttili tatticamente come Rodriguez e Laxalt. Il primo citato, andrebbe a completare i tre di difesa in fase di costruzione della manovra, prendendo le redini di Romagnoli sul centro sinistra che inizierebbe la manovra di gioco  proprio come il capitano. L’uruguagio invece, potrebbe giocare nei 4 di centrocampo come esterno in fase di possesso palla, per poi scalare in difesa e fare il terzino sinistro ,quando saranno gli avversari ad attaccare i rossoneri.

In pratica sulla carta un vero e proprio 3-4-3, per poi trasformarsi nelle varie fasi di gioco in un 4-3-3 già collaudato  in questa forma contro Samp e Genoa a San Siro. Così facendo  si potrebbe addolcire una circostanza catastrofica , che potrebbe comunque non bastare per portare la barca al porto sana e salva.

C’è bisogno di sviluppare velocemente una capacità di sacrificio collettivo, consapevoli che non si potranno vedere per forza delle belle cose, ma si dovrà cacciare un grande cuore per rimediare ad un’altra sventurata annata che può ancora non essere compromessa, arrivando alla terraferma di gennaio che potrebbe far respirare noi tutti , magari con qualche innesto e il recupero di alcuni infortunati.